Per contrastare gli effetti negativi delle sedentarietà, vera e propria piaga moderna, spesso si fa ricorso a improbabili tecniche e metodologie, a volte ignorando la soluzione più efficace e più indicata sia per la prevenzione che per la terapia di disturbi a carico della colonna vertebrale: la ginnastica posturale. 

Vediamo 4 elementi fondamentali da sapere su questa disciplina.

  1. Cos’è la Ginnastica Posturale
  2. Cos’è la postura
  3. Che differenza c’è tra Pilates e Posturale
  4. Chi può insegnare Ginnastica Posturale

Cos’è la Ginnastica Posturale

La ginnastica posturale, nota anche con il nome di Ginnastica Correttiva, è un insieme di esercizi volti a ristabilire l’equilibrio muscolare, al miglioramento della postura e della capacità di controllo del corpo: serve come tecnica riabilitativa quando si evidenziano problemi alla colonna vertebrale e alla postura.

Gli esercizi, che possono avere sia funzione di terapia che di prevenzione, hanno come scopo quello di rieducare il corpo umano a eseguire i movimenti in maniera corretta e ad assumere le giuste posture nella quotidianità.

Con la ginnastica posturale è possibile curare e prevenire i più comuni disagi muscolo-scheletrici (lombalgie, sciatalgie, mal di schiena, cervicale, scoliosi, artrosi, osteoporosi), psichici (stress, depressione, difficoltà di concentrazione e di memoria, attacchi di panico, ansia) e molto altro.

Cos’è la postura

Con il termine postura si fa riferimento alla posizione del corpo umano nello spazio: è la capacità del corpo di opporsi alla forza di gravità ed è il risultato dell’interazione tra fattori biomeccanici, funzionali, psicologici e genetici, strettamente correlati con l’ambiente. 

La postura in un individuo è quindi frutto del vissuto della persona stessa nell’ambiente in cui vive, determinato anche da stress, traumi fisici ed emotivi, posture scorrette ripetute e mantenute nel tempo (ad esempio per lavoro), respirazione scorretta, squilibri biochimici derivati da una scorretta alimentazione e numerosi altri fattori.

La postura può essere: in stazione eretta (monopodalica o bipodalica), da seduto, in decubito (prono, supino, laterale).

Che differenza c’è tra Pilates e Posturale

Il pilates combina controllo del corpo, respirazione e rilassamento, aiuta ad accrescere la forza e a sviluppare elasticità.

Mentre la  ginnastica posturale allena spesso i muscoli della schiena superficiali e si serve della respirazione addominale per rilassare e allungare i muscoli, il pilates allena i muscoli profondi e sfrutta la respirazione postero-laterale per sostenere il corpo durante l’allenamento.

Chi può insegnare Ginnastica Posturale

Possono insegnare la Ginnastica Posturale solo gli istruttori/tecnici che abbiano frequentato il corso specifico e superato il relativo esame, anche se non hanno competenze sanitarie.

Devono quindi essere in possesso di Diploma e patentino per poter esercitare la professione ed essere riconosciuti come istruttori, oltre che iscritti all’Albo dei tecnici CSEN o di altro Ente di Promozione Sportiva/Federazione (che viene trasmesso anche al CONI).

Esistono molti corsi che permettono di acquisire specializzazioni ulteriori nel settore delle ginnastiche preventive: scopri i percorsi di carriera consigliati da CSEN.

Se ti interessa conseguire questa qualifica,
scopri il Corso Online di Istruttore di Ginnastica Posturale!

Vai al Corso

Condividi questo articolo!