Istruttore di Ginnastica Dolce2018-09-27T18:01:52+00:00

Project Description

Istruttore di
GINNASTICA DOLCE

15/16 Dicembre 2018
Verifica contestuale
Sabato:
9,00-10,00 registrazione
10,00/13,30-15,00/19,00 lezione
Domenica:
9,30/13,30-15,00/18,30 lezione

Docente:
M° Cinzia Buccella

Assistente:
Veronica Buccella

Per contrastare il convulso stile di vita impostoci dalla odierna società prendono piede ogni giorno attività nuove e innovative miranti al benessere psico-fisico. Con questo corso, invece, si riscopre una disciplina forse trascurata per un pò di tempo ma che proprio per le sue caratteristiche risulta essere tra le più idonee e capaci di infondere benessere e armonia in chi la pratica: la ginnastica dolce.

Questa disciplina si è diffusa a partire dagli anni ’80 dello scorso secolo ma le sue origini sono più antiche (yoga, danza, meditazione).

Si caratterizza per l’attenzione che questa ginnastica pone nei confronti delle sensazioni corporee indotte dal movimento e insegna ad ascoltare il nostro corpo. Non tutte le attività motorie devono mirare al consumo di calorie o provocare abbondanti sudorazioni, le ginnastiche dolci (ne analizzeremo tre: Feldenkrais, Mezieres e Back Scool) sono caratterizzate dalla presa di coscienza corporea e dal ritmo lento di esecuzione e infondono una profonda sensazione di benessere.

PROGRAMMA

PERCHÉ LE GINNASTICHE DOLCI

  • Che cos’è la ginnastica dolce
    Il corpo: uno strumento da riaccordare
    I principi della ginnastica dolce
    Chi può praticare la ginnastica dolce
  • Gli errori della ginnastica tradizionale
  • Il ritorno del corpo rimosso
  • I primi pionieri
    R. Bode, H. Medau, H. Jalcanen, C. Stanislavski, J. Copeau, E.-J. Dalcroze
    Gli apporti della danza moderna e dell’estremo oriente
  • I metodi affini
    Lo yoga
    Il “training autogeno” di Schultz
    Il rilassamento progressivo di Jacobson
    La bio-energetica di Alexander Lowen
    L’euritmia di Rudolf Steiner
    L’apporto della ginnastica dolce
    Il mito dell’espressione corporea
  • Il corpo, questo linguaggio
  • L’immagine del corpo

I MOVIMENTI NATURALI DELLA VITA QUOTIDIANA

  • La colonna vertebrale, albero della vita
  • Apprendere il portamento migliore
  • Il modo migliore di camminare
  • Il modo migliore di dormire

I PIONIERI E LE LORO TECNICHE

  • M. Feldenkrais: lo studio della sensazione
  • G. Alexander: l’eutonia
  • F. Mézières, scultrice del vivente
  • T. Bertherat: “per conformarci, ci siamo deformati”
  • L. Ehrenfried, una caposcuola
  • E. Foster: il centro solare
  • M. Jaër: le leggi organiche del movimento
  • J. Lecoq: una scuola del movimento

FATE DA SOLI LA VOSTRA GINNASTICA DOLCE

  • Il dispiegamento del corpo
  • Curve e flessioni

Per maggiori informazioni su questo corso inserisci i tuoi dati e ti invieremo subito tutti i dettagli



Accetto l’informativa sulla privacy.

15/16 Dicembre 2018
Verifica contestuale
Sabato:
9,00-10,00 registrazione
10,00/13,30-15,00/19,00 lezione
Domenica:
9,30/13,30-15,00/18,30 lezione

Docente:
M° Cinzia Buccella

Assistente:
Veronica Buccella

Per maggiori informazioni su questo corso inserisci i tuoi dati e ti invieremo subito tutti i dettagli



Accetto l’informativa sulla privacy.

Istruttore di
GINNASTICA DOLCE

Per contrastare il convulso stile di vita impostoci dalla odierna società prendono piede ogni giorno attività nuove e innovative miranti al benessere psico-fisico. Con questo corso, invece, si riscopre una disciplina forse trascurata per un pò di tempo ma che proprio per le sue caratteristiche risulta essere tra le più idonee e capaci di infondere benessere e armonia in chi la pratica: la ginnastica dolce.

Questa disciplina si è diffusa a partire dagli anni ’80 dello scorso secolo ma le sue origini sono più antiche (yoga, danza, meditazione).

Si caratterizza per l’attenzione che questa ginnastica pone nei confronti delle sensazioni corporee indotte dal movimento e insegna ad ascoltare il nostro corpo. Non tutte le attività motorie devono mirare al consumo di calorie o provocare abbondanti sudorazioni, le ginnastiche dolci (ne analizzeremo tre: Feldenkrais, Mezieres e Back Scool) sono caratterizzate dalla presa di coscienza corporea e dal ritmo lento di esecuzione e infondono una profonda sensazione di benessere.

PROGRAMMA

PERCHÉ LE GINNASTICHE DOLCI

  • Che cos’è la ginnastica dolce
    Il corpo: uno strumento da riaccordare
    I principi della ginnastica dolce
    Chi può praticare la ginnastica dolce
  • Gli errori della ginnastica tradizionale
  • Il ritorno del corpo rimosso
  • I primi pionieri
    R. Bode, H. Medau, H. Jalcanen, C. Stanislavski, J. Copeau, E.-J. Dalcroze
    Gli apporti della danza moderna e dell’estremo oriente
  • I metodi affini
    Lo yoga
    Il “training autogeno” di Schultz
    Il rilassamento progressivo di Jacobson
    La bio-energetica di Alexander Lowen
    L’euritmia di Rudolf Steiner
    L’apporto della ginnastica dolce
    Il mito dell’espressione corporea
  • Il corpo, questo linguaggio
  • L’immagine del corpo

I MOVIMENTI NATURALI DELLA VITA QUOTIDIANA

  • La colonna vertebrale, albero della vita
  • Apprendere il portamento migliore
  • Il modo migliore di camminare
  • Il modo migliore di dormire

I PIONIERI E LE LORO TECNICHE

  • M. Feldenkrais: lo studio della sensazione
  • G. Alexander: l’eutonia
  • F. Mézières, scultrice del vivente
  • T. Bertherat: “per conformarci, ci siamo deformati”
  • L. Ehrenfried, una caposcuola
  • E. Foster: il centro solare
  • M. Jaër: le leggi organiche del movimento
  • J. Lecoq: una scuola del movimento

FATE DA SOLI LA VOSTRA GINNASTICA DOLCE

  • Il dispiegamento del corpo
  • Curve e flessioni

Modulistica e iscrizione
Iscriviti al corso ora!

Telefono
085 4214867
Dal Lunedì al Venerdì
dalle ore 9 alle 13
e dalle 14 alle 18

Consulta il
Calendario Corsi