Personal Trainer2018-06-29T20:21:07+00:00

Project Description

Corso Personal Trainer

PER ESSERE AMMESSO AL CORSO BISOGNA POSSEDERE LA QUALIFICA DI ISTRUTTORE DI BODY BUILDING & FITNESS 1° LIVELLO

PROGRAMMA TECNICO-PRATICO

  1. Definizione del P.T.: le caratteristiche del P.T., qualificazione professionale ed aree di intervento.
  2. Scelta degli ambienti e delle attrezzature: nei centri fitness, a domicilio, all’aperto.
  3. Utilizzo dei principali strumenti valutativi: plicometria ed esame ectoscopico.
  4. Valutazione anatomo-funzionale: anamnesi e storia sportiva dell’utente, tests per la valutazione soggettiva.
  5. Tabelle specifiche nelle varie biotipologie morfologiche, dallo sportivo dopo lavoristico all’atleta praticante.
  6. Possibili orientamenti di allenamento nelle varie tipologie: verifiche periodiche degli obiettivi raggiunti.
  7. Il diario alimentare e la sua importanza per la sua traduzione educativa/calorica e comportamentale.
  8. Allenamenti ed alimentazione per l’estetica femminile.
  9. Costituzione biotipologica e morfologica.
  10. Anamnesi : quadro metabolico, fisiologico e psicologico.
  11. Inquadramento morfologico.
  12. Il diario alimentare: consigli alimentari in funzione dell’obiettivo (perdere massa grassa per dimagrire, idratazione cellulare, ridurre ed eliminare la cellulite, costruzione massa muscolare, ecc..)
  13. Metodologia di allenamento – Alimentazione applicata alle costituzioni (iperlipogenetico, ipolipolitico, ecc…)
  14. Classificazione dell’obesità – I limiti del BMI
  15. Programmare un’ allenamento.
  16. L’utilizzo di integratori a supporto di allenamenti per: dimagrimento, ipertrofia, ecc..
  17. Metodi e criteri di valutazione e misurazione delle scoliosi, lettura delle radiografie, test, esercizi specifici di base; pratica.
  18. Approfondimenti teorico-scientifici sulle alterazioni scheletriche: paramorfismi e dismorfismi (cifosi, lordosi). Esercizi specifici di base.
  19. Bilanciamento dell’alimentazione per: inestetismi, adiposità localizzata, P.E.F.S. (cellulite), rimodellamento della silhouette – Allenamenti/tabelle mirate.
  20. Se lo vuoi combattere devi conoscere il grasso corporeo e qual’ è la sua funzione nel nostro organismo.
  21. Quali sono i parametri di un allenamento per aumentare il metabolismo.
  22. Organizzare un protocollo di allenamento a lungo termine.
  23. Mappatura del grasso corporeo e metodo di intervento.
  24. Gli allenamenti aerobici e la loro organizzazione in un protocollo d’allenamento per: dimagrimento – condizionamento fisico generale.
  25. Gli allenamenti a circuito ed il loro utilizzo all’interno di una programmazione allenante.
  26. Gli allenamenti, la loro suddivisione in ambito maschile e femminile per gli over 40-50-60.

QUARTA GIORNATA
(dedicata alle problematiche dell’allenamento con carichi e sovraccarichi sulla colonna vertebrale)

  1. Il rachide( la colonna vertebrale)
  2. Suddivisione anatomica della c.v.: colonna cervicale (sette vertebre), colonna dorsale (dodici vertebre), colonna lombare (cinque vertebre), colonna sacrale (sette vertebre), colonna coccigea (?)
  3. Le alterazioni scheletriche a carico della c.v. (paramorfismi e dimorfismi)
  4. Ipercifosi, iperlordosi.
  5. Le scoliosi
  6. Eziopatogenesi (posture scorrette, posture viziate, posture pericolose con e senza carichi)
  7. Le patologie più diffuse della c.v.: le ernie, le protusioni, spondilolisi, spondilolistesi, gli schiacciamenti, le compressioni, gli scivolamenti delle vertebre
  8. Lettura delle radiografie (uso del diafanoscopio)
  9. Le discopatie più frequenti
  10. L’esatta biomeccanica degli esercizi tradizionali in palestra: lo squat, il rematore, gli stacchi da terra, il lento dietro in piedi, il good morning, il curling per bicipiti, il sit-up, la retroversione e l’anteroversione del bacino (l’uso del filo a piombo)
  11. L’esatta esecuzione degli addominali per non caricare la c.v.
  12. Cenni PRATICI di trattamenti di ginnastica posturale
  13. Cenni PRATICI di trattamenti chinesiologici

AREA MANAGEMENT

  1. Aspetti psicologici e sociologici: perché si sceglie un P.T., aspettative, come incentivare il cliente nella progressione.
  2. Aspetti legali e professionali del P.T.: responsabilità civile e penale; competenze e limiti di intervento; assicurazioni; la sicurezza e la prevenzione.
  3. Marketing: il P.T. come manager di se stesso; strategie di negoziazione; ricerca del TARGET e del mercato; come approcciare un probabile cliente: il colloquio preliminare; gestione del cliente: il post vendita.
  4. Tecniche di vendita e di fidelizzazione.

INTERAZIONE DEL PILATES NEL LAVORO DEL PERSONAL TRAINER

  1. COS’Ė:
    rispondendo alle esigenze di un mercato del Fitness in continua evoluzione, il moderno PERSONAL TRAINER non può non conoscere i principi di base del PILATES.
  2. PERCHĖ:
    durante l’allenamento, sempre più spesso, il cliente informa il suo PERSONAL TRAINER che accusa problemi posturali e/o algie generiche dovute all’eccesso di stress a causa dell’ allenamento o della vita quotidiana.
  3. QUANDO:
    durante ogni seduta alcuni cenni di metodologia di base del PILATES possono essere richiesti dal cliente o proposti da PERSONAL TRAINER per rendere più trandy e/o efficace l’ allenamento.
  4. DOVE:
    dovunque: a domicilio, in palestra, e/o outdoor.
  5. COME:
    semplicemente a terra, a corpo libero, su un tappetino.

PILATES

  1. Breve storia del Pilates
  2. Principi anatomici
  3. La respirazione nel Pilates
  4. Neutral Spine
  5. Esercitazioni pratiche dimostrative

Consulta il
Calendario Corsi

Telefono
085 4214867
Dal Lunedì al Venerdì
dalle ore 9 alle 13
e dalle 14 alle 18

Modulistica e iscrizione
Iscriviti al corso ora!